Me, myself and I

Ricordo un’immagine sbiadita di uno dei miei primi disegni consegnati alla maestra d’asilo: avevo circa quattro anni e con il mio grembiulino a quadretti azzurro porsi nelle mani dell’insegnante un foglio su cui era rappresentato un vaso pieno di fiori che rifletteva la sua ombra sul piano su cui era adagiato…LEGGI

Tag recenti

Contatti

info@artangy.com

Tags

Susanna e Alessandro Orlando: Arts in Wonderland

Lui spumeggiante, sorridente e affascinante presentatore di opere d’arte; lei sofisticata, introspettiva e colta gallerista…quasi impossibile non rimanere folgorati quando si fa la loro conoscenza, quando ti conducono nel loro mondo che profuma di colori a olio, cornici di legno e acquerelli su carta. Per incanto ti ritrovi accompagnato per mano in questo fantastico universo dalle mille forme e colori, dove tutto è possibile e, come nel più famoso romanzo di Carroll, quasi senza accorgertene, questo mondo diventa un po’ anche il tuo.

Sto ovviamente parlando di Alessandro e Susanna Orlando, due personaggi che portano avanti con orgoglio la tradizione familiare di galleristi ed esperti d’arte iniziata a Firenze grazie al loro papà Angelo.

Ritratto fotografico di Susanna Orlando.

Le cose non accadono mai per caso e quando 20 anni fa incontrai (appunto per caso) Alessandro nella “Casa del Tramezzino” dove io lavoravo mentre studiavo e lui veniva a volte per una cena frugale, qualcosa è cambiato nella mia vita…un esperto di arte dalla personalità così forte non poteva lasciare indifferente uno come me che, da ragazzino che bigiava la scuola, preferiva visitare le mostre d’arte piuttosto che giocare ai videogiochi. Con Alessandro entrai in un mondo estraneo eppure stranamente familiare, un mondo che avevo assaporato solo dall’esterno, ma che grazie a lui riuscii a vedere dietro le quinte, dietro le scenografie patinate delle mostre: le ore necessarie per gli allestimenti, migliaia di chiodi e decine di martelli, i furgoni pieni zeppi di quadri da scaricare, e soprattutto gli studi di artisti da conoscere e visitare.

Ritratto Fotografico di Alessandro Orlando.

In questo contesto poco dopo conobbi anche sua sorella Susanna, nella sua casa che all’epoca mi parve quasi quella di un’alchimista, dove in ogni angolo guardassi c’era un’opera inconsueta che per me era invariabilmente fonte di meraviglia e stupore: Cavallini di Giuliano Tomaino, Pesciolini di Lorenzo Lazzeri, Mangiatori di lucciole di Pino Deodato, Dervishi di Aldo Mondino, Arazzi di Alighiero Boetti…potevo passare ore a contemplare gli anfratti di quel luogo incantato, scoprendo cose sempre nuove e immaginando che quella potesse essere la dimora abitata da una fata.

Galleria Orlando in Via Orzinuovi 12, Brescia con optional di televisione
canale 130 digitale terrestre
.

Conosciamoli meglio attraverso cinque domande.

Cosa dovrebbe indurre un collezionista ad acquistare un’opera d’arte?

Susanna:          Collezionare Arte significa connettersi con l’infinito, con l’universo e con l’eternità, perché l’artista e l’opera che produce sono emanazione dell’artista per eccellenza: il Creatore, o qualsivoglia divinità. Avere un’opera in casa significa percepire ogni istante questa energia positiva. L’opera però deve essere di qualità, e acquistata seguendo il proprio istinto e non a seguito di consigli altrui.

Alessandro:      Nel mio caso, avendo quotidianamente un riscontro diretto con un vasto pubblico, mi accorgo che circa un 30% di essi compra quello che gli piace, un altro 30% compra perché sa quello che cerca, e il restante 40% compra come forma di investimento. Quindi, alla luce di questo, il mio pensiero è che un collezionista dovrebbe invece acquistare un quadro solo quando si riceve un messaggio preciso dall’opera.

Galleria Susanna Orlando, Via Stagio Stagi 12, Pietrasanta.

Cosa vi spinge alla ricerca e alla scelta di nuovi artisti da portare nelle vostre gallerie?

Alessandro:      Ogni giorno arrivano in galleria decine di mail con artisti che si propongono, anche disposti a pagare. Sinceramente, faccio sempre più fatica a trovare artisti interessanti e che, soprattutto, oltre alle idee abbiano una tecnica vincente.

Susanna:          Lo stesso istinto di cui sopra. Cerco opere e artisti che siano ben connessi al sistema dell’arte, siano essi giovani o storicizzati. Cerco professionisti come lo siamo noi, né più né meno.

Quali sono le difficoltà con le quali un gallerista italiano si deve confrontare?

Susanna:          Le complicazioni burocratiche, l’IVA al 22%, il sistema fiscale che non permette la detrazione dell’opera acquistata. Il resto è un gioco da ragazzi!

Alessandro:      La grande difficoltà è far capire al pubblico quanto sia importante questo mestiere, al fine di tutelare sia il cliente che l’artista. Nonostante le fregature prese sul web o da improbabili venditori, ci sono persone che non si rendono conto dell’importanza di essere tutelati dal gallerista. Senza contare che ci sono artisti promossi e tutelati a caro prezzo della mia galleria che ho scoperto vendere i quadri sottobanco e a un terzo della mia richiesta. Perciò ribadisco: rispetto per i galleristi!

Come in una fiaba, il meraviglioso mondo dell’arte di Susanna e Alessandro Orlando.

Avete mai pensato di cambiare lavoro? Se sì, quale professione avreste intrapreso?

Susanna:          Sì, ogni giorno, ma poi continuo a fare questo! Mi piacerebbe però occuparmi di collocazione in ambito privato e pubblico di opere d’arte. Perché un’opera mal collocata può fare grossi danni, sia a livello estetico sia energetico. L’arte è fonte di luce, perciò va posizionata in modo che “illumini” la casa e chi ci abita.

Alessandro:      Non credo riuscirei ad occuparmi di altro.

Qual è il ricordo legato al mondo dell’arte che più amate?

Susanna:          Sono così tanti i bei ricordi che stento a estrapolarne uno, ma ci provo: l’aver allestito una mostra qui a Pietrasanta nel 2014 con il grande architetto Lorenzo Piqueras, il cui insegnamento porterò per sempre con me.

Alessandro:      Il primo marzo del 2015, la data in cui ho acceso la mia rete. Dopo 27 anni di televisione a descrivere “arte” lavorando per altri, quattro anni fa ho acceso la mia rete che ogni giorno mi mette in contatto con un pubblico meraviglioso.

Galleria Alessandro Orlando Studio a Pietrasanta, via del Marzocco 59.

Con la loro personalità e il loro differente ma complementare modo di concepire l’arte, Susanna e Alessandro impreziosiscono il mercato italiano e internazionale attraverso un lavoro meraviglioso, intriso di amore, impegno e competenza.

www.orlandoarte.it

www.galleriasusannaorlando.it

Antonio De Renzo

Collezionista d'opere d'arte, di libri e di oggetti di design, ho deciso di creare Artangy, un blog che si occupa in maniera divertente e a volte dissacrante di arte, letteratura, cinema, moda, viaggi e di tutto quello che stimola la mia curiosità, il tutto con un retrogusto Tangy=Piccante.

There are 4 comments on this post
  1. Asia
    Settembre 18, 2019, 3:56 pm

    Conosco la galleria Susanna Orlando e seguo spesso le trasmissioni televisive del signor Alessandro. Complimenti per l’articolo.

    • Settembre 18, 2019, 4:10 pm

      Grazie per i complimenti! Continua a seguirmi/ci! A presto!!!!

  2. Geremia
    Settembre 23, 2019, 5:52 am

    Non conoscevo gli Orlando… grazie per questo articolo!!!

    • Settembre 23, 2019, 8:29 am

      Se vuoi sapere qualcosa di più, sotto l’articolo ho lasciato il link che collegano direttamente al sito di Susanna e Alessandro! Continua a seguirmi, Garazie e a presto.

Leave a reply