Me, myself and I

Ricordo un’immagine sbiadita di uno dei miei primi disegni consegnati alla maestra d’asilo: avevo circa quattro anni e con il mio grembiulino a quadretti azzurro porsi nelle mani dell’insegnante un foglio su cui era rappresentato un vaso pieno di fiori che rifletteva la sua ombra sul piano su cui era adagiato…LEGGI

Tag recenti

Contatti

info@artangy.com

Tags

Arte e Astrologia

Come l’Astrologia ha influenzato l’Arte nel corso dei Secoli

Sulla base di dati oggettivi gli scienziati da decenni sostengono che è semplice dimostrare che gli astri non possono in alcun modo condizionare le vite degli esseri umani.

Le distanze, infatti, sono talmente grandi che gli effetti fisici di fenomeni quali la gravitazione e la radiazione sono, rispetto alla Terra, del tutto trascurabili. Gli unici corpi molto meno distanti da noi che non siano le costellazioni dello Zodiaco e che influiscono realmente sul nostro pianeta sono il Sole e la Luna, grazie alla radiazione solare che permette la vita sulla Terra o, ancora, alla forza gravitazionale della Luna che produce il fenomeno delle maree.

Il Cielo della Sala del Mappamondo al Palazzo Farnese di Caprarola (VT)

Anche se oggi conosciamo le distanze che separano la Terra dalle stelle dello Zodiaco e siamo anche in grado di misurare la quantità di radiazione che da esse ci arriva, è ancora forte la fascinazione che subiamo dall’Astrologia.
In questo articolo mi piacerebbe approfondire la relazione che l’astrologia ha avuto con l’arte nel corso dei secoli.

ll Pittore Giotto Raffigura lo Zodiaco al Palazzo della Ragione di Padova.

Opere Artistiche e Architettoniche benedette dalle Stelle

In passato gli astrologi e gli eruditi di corte venivano chiamati a raccolta quando gli artisti dovevano lavorare su grandi opere a loro commissionate.
L’origine dell’astrologia e il legame fra l’arte e l’osservazione del cielo si stabilisce in epoca arcaica perdendosi nel tempo, ma il suo grande incontro con l’arte figurativa fiorisce soprattutto nel Medioevo e nel Rinascimento.
La prima opera d’arte a contenere un’immagine delle costellazioni, tramandata da Omero nel XVIII libro dell’Iliade, è lo Scudo di Achille, che si trova a Pompei, nella casa degli Urbani.

Raffigurazione dello Scudo di Achille

Pittori, architetti e scultori creavano le loro opere molto spesso seguendo le indicazioni degli intellettuali, che stendevano i piani iconografici, in alcuni casi piuttosto complicati, tenendo in considerazione la perfetta sincronizzazione del loro operato con il piano astrale e con le divinità dell’empireo classico.

Salone dei Mesi al Palazzo SchifanoiaFerrara

Influenze del Mondo Pagano su quello Cristiano

Il mondo culturale pagano non riesce ad essere eliminato neanche dal cristianesimo, nonostante le polemiche contro l’astrologia condotte da Sant’Agostino o Pico della Mirandola. La prova tangibile di questo è l’iconografia astrologica che si trova tutt’ora nelle chiese, dove la stessa figura di Cristo è accomunata al Sole e addirittura a partire dalla metà del IV secolo, la sua nascita è fissata il 25 dicembre, giorno che corrisponde all’inizio del nuovo anno solare nel calendario pagano.

Soffitto della Loggia di Galatea di Villa Farnesina-Roma

Vorrei approfondire questo percorso con l’aiuto del noto astrologo Stefano Vighi, specializzato in Astrologia oraria e Astrologia classica.

3 domande a Stefano Vighi

1) Se l’astronomia ha il compito di studiare il nostro cosmo e l’astrologia mira invece a porsi come metodo per predire il futuro osservando le stelle, quali sono gli effetti che il quadro astrologico di un artista può avere sulla sua opera? Se l’astronomia ha il compito di studiare il nostro cosmo, allora possiamo dire che l’astrologia ha quello di studiare il nostro microcosmo, il nostro Io. Il quadro astrologico non è un effetto, ma è la descrizione precisa di una personalità, di un modo di essere che, nel caso dell’artista, evidenzierà quella certa propensione per la creatività, per l’espressione artistica. Nel tema natale posso insomma provare a leggere le ragioni che rendono un artista così speciale.


2) In alcuni suoi articoli ha messo in evidenza delle assonanze tra le opere, la vita di Caravaggio e il suo tema natale, e come quest’ultimo abbia condizionato il grandissimo pittore.  Nella consapevolezza che ogni artista è figlio del proprio tempo, se Michelangelo Merisi non fosse nato il 29 settembre del 1571 a Milano, avrebbe manifestato la stessa passione e genialità? Probabilmente sì, ma vede, secondo le teorie filosofiche che influenzano anche l’astrologia, ognuno di noi nascerebbe in un certo momento e in un dato contesto storico e sociale proprio per poter vivere quella precisa esperienza. La vita di una persona può essere considerata come la sommatoria delle sue caratteristiche e delle situazioni in cui il soggetto si è venuto a trovare. A volte genio e momento storico si incontrano felicemente, facendo nascere la bellezza. Pensiamo al Rinascimento…

3) Quali sono i segni zodiacali più creativi e quindi i più predisposti a creare opere d’arte?
Tra i maggiori artisti abbiamo persone di ogni segno zodiacale: da Van Gogh o Leonardo che furono Ariete, a Dalì Toro, Picasso Scorpione, Caravaggio Bilancia e così via. Ciò che conta è la combinazione di pianeti che possono esprimere una speciale capacità di intuire e di tradurre in opera l’ispirazione artistica. Possiamo però dire che se Venere è il pianeta che descrive il nostro rapporto con la bellezza, Mercurio è invece quello che ci aiuta a tradurre, a veicolare il tutto in un’opera d’arte.

I segni dello zodiaco

Probabilmente nello zodiaco è scritto il destino di ognuno di noi, ma anche per i più scettici possiamo dire di essere sicuri di una cosa: il Talento, la Creatività e la Genialità di un artista sono sempre baciati dalle stelle.

Chi è Stefano Vighi?

Fotoritratto di Stefano Vighi.

Specializzato in astrologia oraria e astrologia classica, Stefano Vighi è stato docente presso la A.MI. University ed è ora membro della Real Astrology Association. Attualmente collabora con tutte le principali case editrici italiane ed è l’astrologo di testate quali Cosmopolitan, Marie Claire e Io Donna. Nel 2013 ha pubblicato un libro dal titolo Di che Amore Sei? www.astrologando.marieclaire.com

Antonio De Renzo

Collezionista d'opere d'arte, di libri e di oggetti di design, ho deciso di creare Artangy, un blog che si occupa in maniera divertente e a volte dissacrante di arte, letteratura, cinema, moda, viaggi e di tutto quello che stimola la mia curiosità, il tutto con un retrogusto Tangy=Piccante.

Leave a reply