Me, myself and I

Ricordo un’immagine sbiadita di uno dei miei primi disegni consegnati alla maestra d’asilo: avevo circa quattro anni e con il mio grembiulino a quadretti azzurro porsi nelle mani dell’insegnante un foglio su cui era rappresentato un vaso pieno di fiori che rifletteva la sua ombra sul piano su cui era adagiato…LEGGI

Tag recenti

Contatti

info@artangy.com

Tags

11 Cose da fare a Marrakech

Perché visitare Marrakech.

Suoni, colori e profumi che pervadono l’aria di Marrakech potrebbero stordirvi o ammaliarvi; in un’atmosfera da Mille e una notte, attraversando la frenesia delle sue strade che si fondono con le mura color ocra della città, scoprirete le meraviglie di questo luogo incantato e pieno di fascino.

1. Shopping nel souk.

Il colorato souk di Marrakech.

Immergetevi camminando senza meta nei tortuosi passaggi e nei vicoli stretti del souk, il coloratissimo mercato marocchino. Tappeti, borse, lampade, gioielli e oggetti di artigianato vi conquisteranno. L’arte del mercanteggiare potrebbe essere divertente o estenuante, ma lasciatevi tentare nell’acquisto di oggetti che nel contesto vi sembreranno meravigliosi anche se spesso, appena tornati a casa, perderanno un po’ del loro fascino.

2. Piazza Jamaâ El Fna.

Piazza Jamaâ El Fna al tramonto.

Incantatori di serpenti, cantastorie i cui bellissimi racconti si mescolano alle voci dei turisti e a quelle dei proprietari delle bancarelle: qui potrete assistere allo spettacolo a cielo aperto più grande del mondo, magari soseggiando un tè alla menta rifugiati in uno dei tanti caffè provvisti di terrazza che si affacciano sulla piazza. Man mano che il sole cala, la vita all’interno della piazza diventa ancora più animata e i più coraggiosi potranno pasteggiare, a prezzi convenienti, con le leccornie preparate dai venditori ambulanti. Un’esperienza da non perdere.

3. Esperienza da Sultano.

Io nel Riad “La Sultana”.

Per dormire a Marrakech meglio scegliere, rispetto a un normale hotel, un tipico Riad. Il Riad è un tipo di architettura tradizionale marocchina dove la struttura delle stanze si sviluppa intorno a un giardino interno. Sono diversi i Riad che potreste scegliere come oasi di calma lontano dalle strade caotiche della città. La mia personale esperienza mi spinge a consigliare di pernottare presso La Sultana Marrakech, una bellissima struttura alberghiera che propone una lussuosa piscina all’aperto, un centro benessere con servizio massaggi e un ottimo ristorante dove fare colazione o cenare.

Situato a 10 minuti a piedi da piazza Jamaâ El Fna, l’hotel ospita inoltre un’incantevole terrazza panoramica. Decorazioni in stile moresco e tradizionali arredi marocchini vi lasceranno a bocca aperta; tutte le camere e le suite del La Sultana vantano un lussuoso bagno in marmo per un’esperienza da vero sultano.

4. Un bagno di vapore: Hammam.

Hammam de “La Sultana”

Dopo una sessione di shopping estenuante attraverso le stradine del souk, non c’è niente di meglio di un hammam rilassante e rigenerante. Per prima cosa farete respirare la pelle in un bagno di vapore e poi sarete detersi con un sapone nero a base di argilla minerale naturale e strofinati energicamente con un guanto abrasivo che toglierà gli strati di pelle morta. Con questo trattamento vi sembrerà di avere la pelle più liscia di quella di un bambino.

5. Visita al Palazzo della Bahia.

Palais Bahia.

Questo stupendo edificio è stato costruito nella seconda metà del 1800 per volere del Gran Visir Dar Si Moussa ed è considerato un capolavoro dell’architettura tradizionale marocchina: camminare tra i giardini, godere l’ombra del porticato e ammirare le stanze maestose sarà per voi indimenticabile.

6. Moschea della Koutoubia.

Moschea di Marrakech.

Se siete musulmani potrete entrare in questa Moschea che con il suo minareto alto 77 metri, si trova accanto alla piazza principale; se non lo siete, potrete ammirare la struttura esterna e i giardini. Il minareto della Moschea della Koutoubia, essendo così alto, diventa un punto di riferimento molto utile per i turisti che si avventurano tra le complicate vie della città.

7. Giardini Majorelle: i giardini dell’alta moda.

Giardini Majorelle.

I Giardini Majorelle, coi loro colori sgargianti, la natura rigogliosa e scenografica e i bellissimi edifici di quel blu intenso, ormai noto proprio come blu Majorelle, furono appunto realizzati dall’artista francese Jacques Majorelle nei primi anni del 1900. Nel 1980, la tenuta fu acquistata da Yves Saint Laurent e dal suo compagno, Pierre Bergé. Questi piccoli ma graziosi giardini valgono sicuramente una visita.

8. Il profumo del tè alla menta.

Una pausa al gusto di menta in Marocco.

Tra gli intensi profumi di Marrakech sicuramente non bisogna tralasciare quello del tè alla menta. Servito in bicchierini di vetro colorato e finemente decorato, la miscela di tè verde viene zuccherata e aromatizzata con foglie di menta fresca: una pausa che amerete concedervi molto spesso, soprattutto nei souk dove i mercanti hanno l’abitudine di offrire tè alla menta ai turisti.

9. Essaouira, la città dei pescatori.

Essaouria, un villaggio di pescatori.

Essaouira, città costiera di pescatori, è una tappa affascinante da visitare: un ritmo tranquillo ed accogliente vi ristorerà con un pizzico di romanticismo. La spiaggia è molto conosciuta anche dai surfisti poiché soggetta a forti venti che soffiano praticamente tutto l’anno.

10. Visitare l’Arts in Marrakech (AiM).

La Biennale di Marrakech è un festival che ha la missione di costruire ponti tra le culture attraverso le arti. Opere di artisti eccezionali provenienti da tutto il mondo vengono qui esposte per fondersi col magico ambiente di Marrakech.

11. Acquistare il miracoloso olio di Argan.

Un negozio di Olio di Argan nel Souk di Marrakech.

Tra i vari acquisti più o meno utili che farete a Marrakech, da non perdere è il famoso olio di Argan. L’olio di Argan occupa un posto di rilievo in quanto a proprietà e preziosità. Prodotto utilizzando i frutti dell’Argania spinosa, un albero tipico del Marocco, l’olio ha estreme proprietà benefiche ed è particolarmente apprezzato da chi ama servirsi di rimedi naturali per la propria bellezza.

Antonio De Renzo

Collezionista d'opere d'arte, di libri e di oggetti di design, ho deciso di creare Artangy, un blog che si occupa in maniera divertente e a volte dissacrante di arte, letteratura, cinema, moda, viaggi e di tutto quello che stimola la mia curiosità, il tutto con un retrogusto Tangy=Piccante.

There are 6 comments on this post
  1. Marco Altieri
    Febbraio 11, 2018, 3:26 pm

    Sicuramente è una meta molto affascinante da visitare. Sono uno studente e non ho molti mezzi economici ma vorrei partire quest’estate con la mia ragazza: cosa consigli di fare per ottimizzare il nostro budget risicato?

    • Febbraio 13, 2018, 10:30 pm

      Ciao Marco,
      il Marocco , specie se sei/siete delle persone con un’alta capacità di adattamento, può risultare una meta estremamente economica. Ci sono alberghi e Riad di tutte le categorie, di tutti i tipi e per tutte le tasche. Ti consiglio di visitare il sito della lonelyplanet o semplicemente di acquistare una delle sue guide cartacee. Io personalmente ti posso dire di non abbassare eccessivamente il livello degli alberghi e dei ristoranti anche perchè le due stelle alberghiere del Marocco non sono propriamente comparabili con le due stelle dell’Austria!

  2. Sasha V.
    Febbraio 11, 2018, 5:15 pm

    Io ci sono stato due anni fa, il Marocco è strepitoso ma i marocchini, soprattutto nel souk di Marrakech a volte sono un po’ invadenti…

    • Febbraio 13, 2018, 10:24 pm

      Ciao Sasha V.
      effettivamente i marocchini come altri abitanti del Maghreb, hanno spesso un approccio molto “fisico” con i turisti; spesso ci si sente tirati per il braccio in una bottega o inseguiti con insistenza per un servizio di guida turistica. Comunque la mia esperienza mi ha insegnato che rifiutare un servizio offerto e non desiderato, con educazione ma con risolutezza, basta per sedare la calda ospitalità di questi popoli.

  3. Rocco Marra
    Febbraio 11, 2018, 5:25 pm

    Olio di Argan: dove posso acquistarlo?

    • Febbraio 12, 2018, 9:43 pm

      Ciao Rocco,
      l’olio d’argan è un potente idratante…anche se nei souk possono addirittura promuoverlo come “viagra naturale”! Lo troverai in tutte le erboristerie, i supermercati e anche sul web. I prezzi variano a seconda della concentrazione di olio nel prodotto che acquisterai e anche alla qualità dello stesso. Quello che ho preso in Marocco era “eccessivamente naturale” e non era per niente profumato! Ho trovato invece molto buono l’olio di questa linea:

      http://www.erbolario.com/it/linee-prodotti/all-olio-di-argan/

      A proposito, sai come si produce l’olio? Magari evito di dirtelo, altrimenti potresti rinunciare ad acquistarlo!

Leave a reply